Regolamento


 

INDICE

Regola 1    –   Il campo

Regola 2   –   La palla

Regola 3   –   La racchetta

Regola 4   –   Le scarpe

Regola 5   –   Punteggio

Regola 6   –   Servizio e risposta al servizio

Regola 7   –   Scelta lato campo e servizio

Regola 8   –   Cambio di lato del campo

Regola 9   –   Palla in gioco

Regola 10 –   Palla che tocca la linea

Regola 11 –    Palla che tocca recinzione

Regola 12 –   Ordine del servizio in doppio

Regola 13 –   Il servizio

Regola 14 –   Fallo di piede

Regola 15 –   Fallo sul servizio

Regola 16 –   Quando servire e rispondere

Regola 17 –   Servizio nullo

Regola 18 –   Perdita del punto

Regola 19 –  Ribattuta buona

Regola 20 –   Disturbo

Regola 21 –  Correzione degli errori

Regola 22 –  Ufficiali di gara

Regola 23 –  Gioco continuo

Regola 24 –  Istruzioni ai giocatori

Regola 25 –  Condotta dei giocatori

Regola 26 –  Infrazione regole 23, 24, 25

 

 

Regola 1  –  Il campo

  • Il campo di gioco è un rettangolo di metri 13,90 di lunghezza e 7 di larghezza.
  • Il campo è diviso a metà da una rete alta m. 1,35 ai pali (1,27 al centro). Sono ammesse anche reti approvate del tennis, del beach-tennis e del paddle (o padel) alzate a m. 1,35 ai pali (1,27 al centro).
  • Le linee al fondo del campo si chiamano “linee di fondo” e quelle ai lati “linee laterali”.
  • Due griglie, dette “griglie del servizio”, sono disegnate lungo la linea di fondocampo e formate da due lati corti di m. 0,5 distanti 1 metro tra loro, perpendicolari alla stessa linea di fondo e posizionati ciascuno a 3 metri dalla linea laterale.
  • Tutte le linee del campo sono di uguale larghezza (cm. 5).
  • Le misure del campo sono prese dal bordo esterno delle linee, che devono essere di un colore che contrasti chiaramente con quello della superficie.
  • Non vi può essere pubblicità sulla superficie del campo entro le linee. Al di fuori delle linee e sulla rete è permessa, purché sia tale da non ostacolare la vista dei giocatori o le condizioni di gioco.
  • L’ingombro minimo (campo di gioco + “out”) è di m. 18 x 11.

 

 

Regola 2   –   La palla

  • La palla approvata per il gioco è la “Wilson Starter Red Stage 3”.
  • Il numero di palle per il gioco è 1.
  • Il cambio della palla è effettuato al termine di ogni set.
  • Se una palla si rompe durante il gioco, il punto deve essere rigiocato. Se la palla è sgonfia, ma non rotta, non si deve rigiocare il punto.

 

 

Regola 3   –   La racchetta

  • La racchetta approvata per il gioco è la “Tom Caruso Hero 43”.

 

 

Regola 4   –   Le scarpe

  •  E’ obbligatorio l’uso di scarpe da tennis.

 

 

Regola 5   –   Punteggio

  • Il giocatore o la coppia che raggiunge o supera il limite dei 30 punti con almeno 2 punti di scarto ottiene il set. Un incontro si gioca al meglio dei 5 set.
  • Gli organizzatori dei tornei possono decidere, per esigenze di tempo, di ridurre la distanza di uno o più incontri al meglio dei 3 set o a 1 set.
  • Il giocatore o la coppia che perde il punto ha diritto al servizio. In doppio, il giocatore al servizio continua a servire finché non sarà la coppia avversaria a perdere il punto, e il turno successivo di servizio spetterà al compagno di gioco.

 

 

Regola 6   –   Servizio e risposta al servizio

  •  I giocatori devono stare ai lati opposti della rete. Il giocatore che serve mette in gioco la palla. Il giocatore che risponde al servizio ribatte la palla servita dal giocatore al servizio.
  •  Il giocatore che serve ha a disposizione un solo servizio eseguito dall’apposita griglia descritta nella regola 1.4. Il giocatore che risponde al servizio si posiziona in qualunque punto della propria metà campo, anche fuori dal rettangolo di gioco, e non può colpire la palla di volo.
  •  In doppio, entrambi i giocatori possono rispondere al servizio. Dal momento in cui uno dei due giocatori ha colpito la palla per la risposta, entra in gioco il suo compagno. Quest’alternanza prosegue fino al termine del punto.
  •  Il secondo colpo del giocatore o della coppia al servizio non può essere eseguito di volo.

 

 

Regola 7   –   Scelta lato campo e servizio

  •  La scelta del lato del campo e la scelta di servire o rispondere al servizio, nel primo gioco, sono decise per sorteggio, prima di iniziare il palleggio di riscaldamento.

 

 

Regola 8   –   Cambio di lato del campo

  •  I giocatori cambiano lato del campo quando la somma dei loro punteggi e pari 10 o a multipli di 10 e al termine di ogni set.

 

 

Regola 9   –   Palla in gioco

  •  A meno che non sia stato chiamato un fallo, la palla è in gioco dal momento in cui il giocatore al servizio la colpisce fino al momento in cui il punto è deciso.

 

 

Regola 10   –   Palla che tocca la linea

  •  La palla che tocca la linea è considerata come caduta nel campo.

 

 

Regola 11   –   Palla che tocca recinzione

  •  Se la palla in gioco tocca qualunque tipo di recinzione dopo aver toccato terra nel campo giusto, il giocatore che l’ha colpita vince il punto. Se la tocca invece prima di toccare terra, il giocatore che l’ha colpita perde il punto.

 

 

Regola 12   –   Ordine del servizio in doppio

  •  In doppio, la coppia cui spetta di servire per sorteggio all’inizio dell’incontro decide quale dei due giocatori serve per primo. Analogamente, quando la coppia avversaria perde il punto, decide quale dei due giocatori serve per secondo. Il compagno del giocatore che ha servito per primo serve per terzo, e il compagno di chi ha servito per secondo serve per quarto. Quest’alternanza dei servizi prosegue fino al termine dell’incontro.

 

 

Regola 13   –   Il servizio

  • Immediatamente prima di cominciare il movimento del servizio, il giocatore che serve deve stare in posizione di riposo con entrambi i piedi all’interno della griglia.
  •  Il giocatore al servizio deve poi lanciare con una mano la palla in qualsiasi direzione e colpirla con un diritto o con un rovescio prima che tocchi terra. La palla deve rimbalzare prima nella propria metà campo e poi nel campo giusto del lato opposto. Il movimento del servizio è completato al momento dell’impatto della racchetta con la palla o se il giocatore la manca.

 

 

Regola 14   –   Fallo di piede

  •  Durante il movimento del servizio, il giocatore che serve non deve né toccare né oltrepassare con l’uno o l’altro piede le linee di demarcazione della griglia.
  •  Durante il movimento del servizio, il giocatore che serve deve stare in contatto con la superficie con almeno un piede.
  •  In doppio, il compagno di gioco del giocatore al servizio non deve né toccare né oltrepassare la riga di fondo prima che il giocatore che serve abbia colpito la palla.
  •  Se un giocatore non rispetta questa regola, commette fallo di piede e perde il punto.

 

 

Regola 15   –   Fallo sul servizio

  •  Il servizio è fallo se il giocatore che serve manca la palla tentando di colpirla e se la palla servita tocca il giocatore al servizio o qualunque cosa egli indossi.

 

 

Regola 16   –   Quando servire e rispondere

  •  Il giocatore al servizio non deve servire fin quando il/i giocatore/giocatori alla risposta non è/sono pronto/i. Tuttavia il giocatore alla risposta deve adeguarsi al ragionevole ritmo del giocatore al servizio e deve essere pronto a rispondere in un tempo ragionevole quando il giocatore al servizio è pronto.
  •  Il giocatore alla risposta che tenta di rispondere al servizio è considerato pronto.

 

 

Regola 17   –   Servizio nullo

  •  Il servizio è colpo nullo se la palla è servita quando il giocatore alla risposta non è pronto.
  •  In caso di servizio nullo, questa specifico servizio non conta, e il giocatore al servizio deve servire di nuovo.

 

 

Regola 18   –   Perdita del punto

  •  Il giocatore perde il punto se commette un fallo al servizio.
  •  Il giocatore perde il punto se non rimanda la palla in gioco prima che questa abbia rimbalzato due volte consecutive.
  •  Il giocatore al servizio perde il punto se gioca di volo il colpo successivo al servizio.
  •  Il giocatore perde il punto se ribatte la palla in modo che questa tocchi la superficie o, prima che rimbalzi, un oggetto, al di fuori del giusto campo.
  •  Il giocatore perde il punto se accompagna o trattiene la palla con la racchetta o la tocca più di una volta.
  •  Il giocatore perde il punto se lui o la racchetta, in mano o no, o qualsiasi cosa egli indossi toccano la rete, i pali, la corda o cavo metallico, la cinghia, il nastro o il campo avversario in qualunque momento in cui la palla è in gioco.
  •  Il giocatore perde il punto se la palla in gioco lo tocca o tocca qualsiasi cosa egli indossi.
  •  Il giocatore perde il punto se la palla in gioco tocca la racchetta quando il giocatore non la sta tenendo.
  •  Il giocatore perde il punto se la sua racchetta passa sopra la rete.

 

 

Regola 19   –   Ribattuta buona

  •  La ribattuta è buona se la palla tocca la rete, i pali, la corda o cavo metallico, la cinghia o il nastro, purché essa passi al di sopra di ognuno di essi e tocchi terra entro il campo giusto, tranne quanto previsto nella regola 19.2.
  •  La ribattuta è buona se dopo che la palla in gioco ha toccato terra nel campo giusto e a causa dell’effetto o di una folata di vento ritorna indietro oltre la rete, il giocatore si allunga oltre la rete e la gioca nel giusto campo, purché non contravvenga alla regola 19.
  •  La ribattuta è buona se la palla è rimandata esternamente ai pali, al di sopra o al di sotto del livello superiore della rete, anche se tocca i pali, purché tocchi terra nel campo giusto, tranne quanto previsto nella regola 19.2.

 

 

Regola 20   –   Disturbo

  •  Se il giocatore è disturbato mentre gioca il punto da un atto intenzionale dell’avversario, vince il punto.
  •  Il punto deve essere rigiocato se il giocatore è disturbato mentre gioca il punto da un atto non intenzionale dell’avversario o da qualcosa al di fuori del controllo del giocatore.

 

 

Regola 21   –   Correzione degli errori

  •  Come principio, quando nel corso del gioco si scopre un errore alle regole del citytennis, tutti i punti già giocati precedentemente rimangono validi.
  •  Se la palla non viene cambiata con la giusta alternanza, l’errore è corretto non appena scoperto e il conteggio per il cambio della palla prosegue con la giusta alternanza.

 

 

Regola 22   –   Ufficiali di gara

  •  Il giudice arbitro è l’autorità finale sulle questioni di diritto, e le sue decisioni sono definitive.
  •  Negli incontri in cui è nominato un arbitro, questi è l’autorità finale sulle questioni di fatto.
  •  I giocatori hanno il diritto di far intervenire il giudice arbitro sul campo quando non concordano con l’arbitro sull’interpretazione di una questione di diritto.
  •  Negli incontri in cui sono nominati i giudici di linea e di rete, a loro spetta fare le chiamate (comprese quelle per il fallo di piede) per la linea di loro competenza e per la rete. L’arbitro può correggere la chiamata di un giudice di linea o di rete se è certo che sia stato commesso un errore evidente. L’arbitro fa le chiamate (comprese quelle per il fallo di piede) per le linee e per la rete quando mancano i relativi giudici.
  •  Quando un giudice non è in grado di decidere, lo deve segnalare immediatamente all’arbitro che deve prendere una decisione. Se il giudice di linea non può decidere, o se il giudice di linea manca, e l’arbitro non è in grado di decidere su una questione di fatto, il punto deve essere rigiocato.
  •  Il gioco può essere interrotto o sospeso in ogni momento se l’arbitro decide che è necessario o appropriato. Il giudice arbitro può inoltre interrompere o sospendere il gioco a causa dell’oscurità, del tempo o delle cattive condizioni del terreno. In ogni caso di sospensione del gioco, il punteggio precedente e i posti precedentemente occupati dai giocatori in campo restano i medesimi quando si riprende a giocare.
  •  Il giocatore il cui cognome ha precedenza alfabetica su quello dell’avversario è per tutta la durata dell’incontro il giocatore cui si riferisce il primo dei due punteggi annunciati dall’arbitro al termine di ogni punto. In caso di cognome uguale, fa fede il nome. In caso di esatta omonimia di cognome e nome, il primo dei due punteggi annunciati dall’arbitro al termine di ogni punto è estratto a sorte prima dell’inizio dell’incontro. Nel doppio, in caso di esatta omonimia tra i giocatori che hanno precedenza alfabetica, il confronto sulla stessa si sposta ai rispettivi compagni di gioco. In caso di ulteriore omonimia, il primo dei due punteggi annunciati dall’arbitro al termine di ogni punto è estratto a sorte.

 

 

Regola 23   –   Gioco continuo

  •  Come principio, il gioco deve essere continuo da quando l’incontro inizia (quando il primo servizio dell’incontro è messo in gioco) fino a quando finisce.
  •  Fra un punto e l’altro sono concessi ai giocatori 30 secondi. Al termine di ogni set sono concessi ai giocatori 3 minuti. Se il set non è concluso, ai giocatori è concesso 1 minuto per cambiare lato del campo. Il tempo dell’intervallo inizia dal momento in cui il punto finisce e scade nel momento in cui è colpita la palla per il primo servizio del punto successivo.
  •  Se, per ragioni indipendenti dal controllo del giocatore, i vestiti, le calzature o l’equipaggiamento necessario si rompono o necessitano di essere sostituiti, al giocatore può essere concesso un tempo supplementare ragionevole per porre rimedio all’inconveniente.
  •  Non può essere concesso alcun tempo supplementare per permettere al giocatore di recuperare le forze. Tuttavia, il giocatore che abbia un’esigenza di tipo fisiologico o che sia affetto da una condizione fisica suscettibile di trattamento può essere autorizzato a usufruire di una sospensione di 5 minuti per quell’esigenza o quel trattamento medico.
  •  Il palleggio preliminare può durare al massimo 5 minuti.

 

 

Regola 24   –   Istruzioni ai giocatori

  •  Istruire il giocatore significa comunicare con lui, consigliarlo o istruirlo in qualunque maniera e con qualunque mezzo.
  •  Nelle manifestazioni a squadre in cui c’è un capitano di squadra seduto in campo, questi può istruire il giocatore quando i giocatori cambiano lato del campo al termine del set.
  •  In tutti gli altri incontri è vietato istruire il giocatore.

 

 

Regola 25  –   Condotta dei giocatori

  •  E’ vietata ai giocatori qualunque forma di condotta violenta anche verbale.
  •  E’ vietata ai giocatori qualunque forma di comportamento non corretto o irrispettoso nei confronti di un avversario, del compagno di gioco, degli ufficiali di gara e del pubblico.

 

 

Regola 26  –   Infrazione regole 23, 24, 25

  •  La prima infrazione alle regole 23, 24 o 25 comporta l’ammonizione del giocatore.
  •  La seconda infrazione alle regole 23, 24 o 25 comporta la perdita di 1 punto.
  •  La terza infrazione alle regole 23, 24 o 25 comporta la perdita di 1 set.
  •  La quarta infrazione alle regole 23, 24 o 25 comporta la perdita dell’incontro.